Casinò di Sanremo: critiche di Ugl al piano di rilancio.

news casinoC’è un nuovo piano di rilancio per il Casinò di Sanremo, ma appena reso noto ha dovuto fare subito i conti con alcune critiche, provenienti soprattutto dai sindacati.
 
In particolare l’Ugl ha diramato un comunicato nel quale si evidenziano le situazioni poco chiare.
 
Il documento in questione, abbastanza corposo dato che consta di 15 pagine, è stato inviato al Consiglio di Amministrazione della Casinò Spa e per conoscenza al Prefetto, al Sindaco e al Presidente della Provincia di Sanremo.
 
Come detto in apertura il contenuto verte sul nuovo piano di rilancio triennale, con l’intento di disvelarne i punti critici e porre l’attenzione sulle possibili conseguenze negative che potranno scaturire tanto nel breve quanto nel medio-lungo periodo.
 
Il segretario dell’Ugl, Roberto Spina, punta senza mezzi termini il dito contro i vertici del Casinò, colpevoli di immobilismo e scarsa attenzione al momento attuale.
 
Nonostante infatti la situazione generale sia più che nota, con il calo degli incassi che è diventato ormai comune denominatore delle case da gioco non solo in Italia ma in tutta Europa, da parte del Casinò di Sanremo non è stata messa in campo alcuna azione efficace, né dal punto di vista dell’adeguamento strutturale che dal punto di vista del rilancio vero e proprio.
 
Secondo il segretario il trend che si è instaurato non è affatto positivo e potrebbe avere come unico effetto (disastroso) quello di azzerare praticamente gli incassi e di lasciare senza lavoro parecchie persone.
 
È troppo facile dare la colpa alle spese di gestione troppo alte, mettendo quasi sotto accusa dall’altro lato il costo del personale, ritenendolo insostenibile.
 
La leva sulla quale bisogna agire è quella degli sprechi, che vanno assolutamente ridotti. Ponendo l’attenzione sul personale, si può notare che sulle spese correnti i 350 dipendenti incidono per il 59%, mentre per il 27% incidono i 500 dipendenti del Comune. Se nel Casinò in 8 anni i dipendenti sono passati dalle 620 unità a 335, al Comune non c’è stato nessun taglio concreto.
 
Il tempo che passa non è affatto un alleato, anche e soprattutto il relazione a quanto ne è passato e a quante occasioni di miglioramento si sono perse. Quando tempo si cercava di porre in risalto la questione si veniva quasi tacciati di portare sfortuna, con conseguenti silenzi della controparte.
 
Casinò di Sanremo: critiche di Ugl al piano di rilancio di
-
Arrivano subito le critiche da parte del sindacato Ugl al nuovo piano di rilancio presentato per il Casinò di Sanremo. - Data: